Come diventare un Tecnico di Cantiere 2.0

Il Tecnico di Cantiere è una figura professionale chiave per l’impresa, chiamato a garantire l’esecuzione dell’opera mantenendo conformità alle specifiche contrattuali e marginalità aziendale. A volte il suo compito è una mission impossible perché non dispone della sufficiente autorità per governare tutti i fattori critici del processo produttivo.

Si pensi ad esempio allo scenario che segue:

  • Mancato coinvolgimento nella trattativa con il committente a livello commerciale e strategico
  • Mancato coinvolgimento nella trattativa con i fornitori
  • Disponibilità di risorse aziendali – personale, mezzi e attrezzature – spesso inadeguate o insufficienti
  • Basso livello qualitativo degli elaborati progettuali

Nonostante tutto, deve anche far quadrare i conti.

Come affrontare con successo questo problema

La chiave di volta sta nella programmazione delle attività, che il management dell’impresa deve predisporre in risposta al frequente stato di emergenza in cui versano i cantieri.

Attenzione, perché bisogna anche tenere in debita considerazione l’unicità di ogni progetto e le immancabili variazioni metereologiche, finanziarie, autorizzative, ecc.

img_TC2.0.png

Ma quali sono le attività di programmazione e controllo in cui il Tecnico di Cantiere è coinvolto, a diversi livelli, e come si concilia la cronica carenza di tempo con un maggior carico di lavoro? La risposta sta nell’informatizzazione delle attività che seguono:

  • Raccolta dei dati di input (elementi contrattuali, budget, ecc.)
  • Programmazione delle attività di cantiere, scomponendole in fasi di lavoro sequenziali
  • Allocazione delle risorse
  • Pianificazione degli approvvigionamenti
  • Rilevazione dei dati di produzione
  • Analisi degli scostamenti (Actual vs Budget)
  • Adozione delle eventuali azioni correttive
  • Aggiornamento della programmazione

La figura del Tecnico di Cantiere, quindi, evolve verso un ruolo in cui supervisione e controllo del processo produttivo sono preponderanti e, al tempo stesso, determinanti per la scelta della soluzione software ottimale.

Le caratteristiche del software per un Tecnico di Cantiere

Ecco le principali funzionalità che un buon software deve mettere a disposizione, anche on line, per garantire la piena copertura delle esigenze del Tecnico di Cantiere.

  1. Gestione documentale per commessa.
  2. Revisioni e storicizzazione dei budget operativi di commessa con verifica dell’andamento del margine nelle diverse versioni.
  3. Programmazione delle risorse durante la vita operativa del cantiere.
  4. Aggiornamento di tempi, costi, ricavi e del relativo Gantt, in funzione dell’avanzamento della produzione.
  5. Simulazione di previsioni basate su tecniche di earned value.
  6. Generazione del Piano degli approvvigionamenti dal budget operativo di commessa e relativo aggiornamento collegato alle revisioni del budget.
  7. Raccolta dei dati di produzione soprattutto come conferma o modifica di quanto programmato.
  8. Generazione report di massimo dettaglio degli scostamenti tra dati effettivi e dati preventivi (tempi e costi per natura e destinazione).
  9. Analisi in ambiente di Business Intelligence, anche estemporanee e predittive, basate sui dati consuntivi.

Vuoi altri suggerimenti per avere successo nel tuo lavoro? Scarica subito la guida gratuita “Come guadagnare di più con un’azienda efficiente” per sapere come condurre la tua azienda nella giusta direzione.

Roberto Crepaldi
Roberto Crepaldi

System Analyst con oltre 25 anni di esperienza nel mondo delle imprese di costruzioni, specializzato nelle tematiche del Controllo di Gestione e della Contabilità Direzionale. E’ co-autore dei libri “Il Controller nelle Imprese di Costruzioni” e “L’eccellenza nella gestione delle Imprese di Costruzioni: un approccio per processi”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *